scuola d'estetica iside

Massaggi Relax

Massaggi Relax

Il massaggio Pindasweda è un fantastico massaggio di origine indiana, tra i più rilassanti ed emozionali; che viene realizzato utilizzando dei particolari sacchetti di cotone caldi(Pinda) che racchiudono una miscela di erbe,spezie o sabbie.

E’ uno dei trattamenti più antichi al mondo.

Patra significa foglie (piante medicinali), Pinda significa bolo (tampone) e Sweda significa fomentazione o sudorazione. Il termine Pindasweda è quindi un termine composto che significa letteralmente “aiutare il corpo a sudare e traspirare”. Il trattamento completo consiste in diverse fasi; nella prima si esegue un massaggio preparatorio e rilassante con olio medicato (Abyangam) di circa 20 minuti.

Segue l’applicazione dei fagottini di cotone riempiti con spezie naturali, erbe profumate e oli essenziali che vengono riscaldati in olio medicato o in corrente di vapore, in modo da diffondere gli effetti del trattamento termico.

Si utilizzano sia manovre di massaggio, che di picchettamento e di semplice posizionamento in punti specifici del corpo (per es. i Chakra). Vengono comunque effettuati numerosi passaggi, aumentando il calore dei fagottini ad ogni passaggio. La tecnica si avvale di movimenti rotatori leggeri e delicati che coinvolgono tutto il corpo. Possono essere utilizzati per massaggiare settori specifici come la schiena, il collo, le spalle, le mani e le articolazioni oppure il corpo intero. Al termine dello strofinamento, vengono riscaldati e lasciati in posa per effettuare il riequilibrio energetico.

Durante il massaggio Pinda l’azione combinata di calore e profumi cattura totalmente corpo e mente.

La maggior parte delle erbe utili ai fini di un massaggio con tamponi caldi sono: la malva, la camomilla, il rosmarino, la calendula, la lavanda, il tiglio, il biancospino e i fiori di arancio.

Di seguito, scopriamo i principi attivi di tali erbe lenitivi, sedativi e anti-infiammatori:

• Malva: azione lenitiva.

• Camomilla: ricca in flavonoidi, svolge un azione rilassante sulla muscolatura.

• Biancospino: ricco in flavonoidi e in vitexina, quest’ultima con azione sedativa e calmante.

• Calendula: ricca in flavonoidi, e acido salicidico, la rendono utile come lenitivo e anti-infiammatorio.

• Lavanda: ricca in flavonoidi, che le conferiscono un azione rilassante.

• Tiglio: ricco in flavonoidi, cumarina, lo rendono un calmante e un lenitivo.

• Rosmarino: ricco in flavonoidi, ha un azione anti-infiammatoria.

BENEFICI E CONTROINDICAZIONI

Questo trattamento fornisce calore e sudorazione alla parte trattata favorendo l’eliminazione delle tossine. L’effetto terapeutico del trattamento consiste nell’incremento della circolazione sanguigna, un profondo rilassamento e una piacevole sensazione di leggerezza.

E’ consigliato a:

Chi è affetto da distorsioni, dolori, rigidità articolare, e tensione muscolare. Dona energia ai muscoli affaticati dall’attività migliorando la mobilità e la flessibilità. Viene definito massaggio ringiovanente, dona forza a tutto il sistema corporeo, è adatto a tutti ma sopratutto per le costituzioni Vata. Questo trattamento favorisce l’eliminazione delle tossine, aprendo i pori e purifica la pelle e la tonifica donando luminosità. E’ un’ottimo coadiuvante del trattamento per combattere obesità e cellulite.

La tradizione ayurvedica sconsiglia l’uso dei pindasweda in caso di:

donne in gravidanza, ulcere, diarrea, presenza di disturbi digestivi, traumi al torace, asma, malattie degli occhi, stati gravi di intossicazione

PREPARAZIONE PINDA

Per preparare i sacchettini adatti a trattare il tipo di dolore, è necessario considerare le caratteristiche corporee della persona ( Vata, Pitta, Kapha ).

IL MASSAGGIO HOT STONE

Fin dalla notte dei tempi, civiltà e culture millenarie si sono sempre affidate alle pietre per scopi medicinali e per riequilibrare chakra distonici o intervenire su vibrazioni di energia negativa. E il fuoco, e il calore in generale, sono da sempre preziosi alleati anche per fini terapeutici. Combinare questi elementi insieme dà vita all’Hot Stone Massage , conosciuto già da tempo anche in Italia come Massaggio con pietre laviche, praticato da millenni e recentemente tornato in auge grazie alla riscoperta delle beauty farm americane, che lo hanno poi rilanciato in tutto il mondo.

L’azione terapeutica si ottiene applicando sul corpo pietre basaltiche, vulcaniche, ma anche provenienti dal Gange e dai letti di altri fiumi. Le pietre rilasciano lentamente il loro calore: sotto questo punto di vista è importante anche tenere in considerazione il diverso effetto di ogni tipo di pietra: una pietra levigata rilascia il calore in modo più lento e uniforme. A seconda del disturbo da trattare, all’azione della pietra viene associato il massaggio adatto e spesso la terapia viene accompagnata con l’azione di oli o aromi.

Pubblicità

Il massaggio Hot Stone si può in ogni caso praticare anche a freddo, per venire incontro a chi ha problemi di fragilità capillare, cioè le uniche persone per cui il massaggio con pietre calde è controindicato.

Massaggio con pietre calde, fredde e alternato

Per il massaggio a caldo si scelgono in genere pietre laviche, la cui dimensione e il cui peso dipendono dal tipo di trattamento che è necessario effettuare. Se in genere si prediligono pietre che abbiano una forma che le rende maneggevoli, a volte, per il trattamento di estese parti del corpo, si utilizzano pietre più grandi. Le pietre vengono scaldate, generalmente in acqua, a 65-70 gradi. Sulla parte del corpo da massaggiare viene prima applicato un olio e poi la parte viene manipolata grazie alle pietre, che nel frattempo sono state asciugate.

Quando hanno disperso il loro calore vengono sostituite con altre pietre calde. Per il massaggio con pietre freddevengono usati particolari tipi di quarzo, raffreddati ad hoc per la terapia. Oltre che per coloro che soffrono di fragilità capillare, questa variante del massaggio è particolarmente indicata per gli sportivi. Le pietre fredde stimolano infatti la circolazione causando un restringimento dei vasi sanguigni, migliorando così lo smaltimento delle tossine e l’ossigenazione delle cellule.

La tecnica con pietre calde alternate ad altre fredde è consigliato per il trattamento di lesioni muscolari e infiammazioni, poiché stimola la vasodilatazione e successivamente la vasocostrizione, oltre ad avere un effetto sedativo sul sistema nervoso.

I benefici

In generale, questo tipo di trattamento è indicato nel caso di:

• dolori muscolari, reumatici o artritici

• mal di schiena

• stress

• insonnia

• depressione

È inoltre indicato per migliorare la circolazione. Ma la terapia, soprattutto se abbinata ad aromaterapia, uso di oli e massaggi, può anche procurare benefici più specifici.

Il massaggio Hot Stone aiuta a sciogliere la rigidezza muscolare, a migliorare la mobilità delle articolazioni e ad alleviare la tensione della colonna vertebrale, principale causa di dolorosi e invalidanti mal di schiena. Decongestiona i depositi linfatici, migliora la ritenzione dei liquidi e influisce positivamente sulla circolazione arteriosa, oltre a migliorare il ritorno venoso. Aiuta a disintossicare l’organismo, sbloccando inoltre gli scambi metabolici. Ha inoltre anche effetti estetici, poiché leviga e rilassa la pelle.

Senza contare i benefici sull’umore e sul benessere dello spirito, che troppo spesso si tende a mettere in secondo piano rispetto al corpo. La tecnica Hot Stone procura una generale sensazione di benessere e relax, e l’aumento della sensibilità nei confronti delle persone e del mondo. Inoltre, contribuisce ad acquisire una maggiore consapevolezza del proprio corpo.

Sui Chakra

Oltre che su parti doloranti o malate, le pietre possono essere, secondo la concezione olistica, appoggiate direttamente sui chakra, per migliorare il flusso di energia all’interno del corpo. Considerati come ruote o porte di energia, I principali chakra sono sette. “Risintonizzare” un chakra influenza il flusso di energia, positiva e negativa, e influisce su particolari stati d’animo e aspetti della vita a cui lo specifico chakra è correlato.

Controindicazioni

Il trattamento con pietre calde è controindicato per chi soffre di fragilità capillare. È inoltre sconsigliato su ferite aperte e lesioni cutanee e in caso di nausea, febbre e infiammazioni dei vasi linfatici.

Vuoi ricevere maggiori informazioni? +39 095 854540
I Corsi
Corsi Massaggi
Corsi Trucco
Corsi Unghie